Bicchiere o cannuccia?

Una cannuccia di plastica, prodotto tipicamente usa e getta impossibile da riutilizzare e da riciclare, impiega circa 500 anni per essere smaltita, a fronte di un tempo di utilizzo medio di 20 minuti! A dispetto di questa considerazione, secondo i dati della Plastic Pollution Coalition, in Europa le cannucce sono tra i primi 5 rifiuti che si depositano sulle coste di tutto il mondo.

Impossibili da riciclare, le cannucce usate finiscono per aumentare la quantità di plastica che si riversa negli oceani e che costituisce il 90% della spazzatura presente nelle acque oceaniche.

Non a caso Marevivo ha lanciato una campagna sulla sensibilizzazione dell’uso delle cannucce di plastica. “Le cannucce entrano nelle narici delle tartarughe e nell’esofago degli animali. Abbiamo così deciso di lanciare questa campagna perché le abitudini dell’uomo non possono sempre avere ripercussioni sugli animali e l’ambiente, soprattutto quando esistono valide alternative per evitarle” spiega Rosalba Giugni, presidente di Marevivo.

Con l’impegno di tutti si auspica di poter ridurre il quantitativo di cannucce di plastica utilizzate nel mondo. Ecco un paio di dati davvero sorprendenti: in America se ne usano circa 500 milioni al giorno; a Londra 2 miliardi l’anno. Qui in particolare è partita una petizione da parte dell’Evening Standard per chiedere ai produttori di cannucce di trovare soluzioni eco sostenibili.


Fonte: greenme.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *