C’è un legame tra masticazione e memoria?

Osservando la diminuizione della memoria nei ratti privati dei molari, alcuni ricercatori hanno messo in relazione la masticazione con le funzioni cognitive. A riguardo ci sono molti studi, che però forniscono solo indizi su questa correlazione.
Nel 2002 alcuni psicologi in Inghilterra hanno voluto verificare se masticare chewingum potesse migliorare la memoria. Lo studio era limitato alla memoria verbale e eseguito su pochi individui, ma i risultati furono positivi. Confermando precedenti ricerche effettuate attraverso Pet e Tac che avevano rilevano un aumento del flusso ematico nella corteccia sensitiva e motoria e nel cervelletto in seguito alla masticazione.
Effetti positivi della masticazione contro il dolore sono già stati riscontrati anche con evidenze sperimentali sia nell’uomo che nell’animale in cui si è riscontrata una riduzione a livello salivare del cortisolo, indice ormonale dello stress. Mentre nei neonati i movimenti ripetitivi della bocca, come succhiare, probabilmente stimolano il rilascio di serotonina.
Sulla correlazione tra masticazione e facoltà cognitive comunque c’è ancora molto da indagare. Gli studi noti presentano infatti risultati poco solidi e punti deboli.


Fonte: italian dental journal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *