Cheratosi attinica: più efficacia e soddisfazione con l’ingenolo mebutato

Uno studio randomizzato di fase IV ha confrontato l’efficacia e la sicurezza di ingenolo mebutato (IngMeb, 0,015% una volta al giorno per 3 giorni consecutivi) e diclofenac sodico (DS, due volte al giorno per 90 giorni) nel trattamento di 502 pazienti con cheratosi attinica di viso e scalpo.
L’efficacia di un ciclo di trattamento, misurata come frequenza di eliminazione completa della lesione tramite punteggio AKCLEAR 100, è risultata significativamente più alta per IngMeb rispetto a DS (34% vs 23%; p<0,006). Questa superiorità è stata confermata anche alla fine dell’ultimo ciclo di trattamento e a 17 settimane di follow-up. Entrambi i trattamenti sono stati ben tollerati; l’evento avverso più frequente (eritema al sito di applicazione) è stato registrato nel 1% dei pazienti con IngMeb e nel 12% con DS. Inoltre, la durata degli eventi avversi e i casi di abbandono dello studio per un evento avverso sono risultati inferiori con IngMeb.
I pazienti hanno espresso una maggiore soddisfazione globale – misurata tramite il questionario TSQM – per l’utilizzo di ingenolo mebutato, probabilmente anche grazie alla breve durata del trattamento.


Fonte: Stockfleth E, Harwood CA, Serra-Guillén C, et al. Phase IV head-to-head randomized controlled trial comparing ingenol mebutate 0·015% gel with diclofenac sodium 3% gel for the treatment of actinic keratosis on the face or scalp. Br J Dermatol. 2018 Feb;178(2):433-442. doi: 10.1111/bjd.16048. Epub 2018 Jan 15

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *