Differenze molecolari nei pathway di progressione da AK a SCC

Un gruppo di medici dell’Universitat Autònoma di Barcellona ha analizzato le differenze molecolari tra i due pathway di progressione dell’AK a SCC (classico e differenziato) Tramite analisi immunoistochimiche, i ricercatori hanno analizzato microarray tissutali di 80 SCC, focalizzandosi sulla diversa espressione di marker di proliferazione (ki67), oncosoppressori (p53, p16) e diverse molecole coinvolte nella transizione epitelio-mesenchimale.
I risultati hanno mostrato che negli iSCC derivati dal pathway differenziato l’attività proliferativa (ki67) era significativamente più bassa, così come l’espressione di vimentina, E-caderina e beta-catenina di membrana. Questo risultato è spiegato dal fatto che la transizione epitelio-mesenchimale contribuisce alla trasformazione della AK in SCC nel pathway differenziato, mentre il pathway classico è caratterizzato da un marcato aumento delle capacità proliferative, che favoriscono l’estensione intraepiteliale.
Non sono state invece osservate differenze significative nel livello di espressione degli oncosoppressori p53 e p16, e nella podoplanina (D2-40), una molecola coinvolta nell’invasione tumorale. Questo risultato evidenzia come i due pathway di progressione siano caratterizzati da meccanismi di oncogenesi attinica identici.


Fonte: Saenz-Sardà X, Carrato C, Pérez-Roca L, et al. Epithelial-to-mesenchymal transition contributes to invasion in squamous cell carcinomas originated from actinic keratosis through the differentiated pathway whereas proliferation plays a more significant role in the classical pathway. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2017 Aug 10. doi: 10.1111/jdv.14514. [Epub ahead of print]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *