Errori comuni nella protezione solare

Una ricerca americana ha studiato il comportamento della popolazione generale nei confronti della protezione solare, seguendo per 93 ore più di 2000 persone presenti alla Minnesota State Fair, dove era stato installato un dispenser gratuito di crema solare.
Solo il 33% delle persone ha applicato la protezione solare su tutte le aree del corpo esposte, e solo il 38% indossava indumenti per proteggersi dal sole, cappello o occhiali. L’utilizzo della protezione era più alto per le donne (57%) rispetto agli uomini, e si riduceva in maniera consistente nelle giornate nuvolose.
L’AAD suggerisce di applicare la protezione solare tutte le volte che si va all’aperto: anche nei giorni nuvolosi fino all’80% dei raggi UV possono infatti raggiungere la pelle. Oltre alla protezione è bene indossare vestiti coprenti e applicare la crema su tutta la pelle, non solo sul viso e sulle braccia.
È importante scegliere una protezione solare con SPF di almeno 30, che riporti la dicitura “ad ampio spettro” (cioè che protegge sia contro UVA che contro UVB), e che sia resistente all’acqua. Nel caso di pelle sensibile si raccomanda di usare un solare contenente ossido di zinco o di titanio e di evitare prodotti che contengono profumi, oli o PABA.


Fonte: American Academy of Dermatology. Research highlights common sunscreen mistakes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *