HPV nei pazienti immunocompetenti con cheratosi attinica

Un gruppo di medici del Campus Biomedico di Roma in collaborazione con l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena ha valutato la presenza di infezioni da HPV in un gruppo di 40 pazienti immunocompetenti affetti da cheratosi attinica.
L’analisi tramite PCR ha evidenziato che la positività al virus HPV era significativamente maggiore nelle lesioni cutanee da AK rispetto ai campioni di cute sana: 88,8% vs 62% rispettivamente. In termini di genotipo, il virus HPV 36 era predominante nelle lesioni da AK, mentre nella cute sana era maggiormente presente la forma HPV 107, portando i ricercatori a ipotizzare che diversi tipi di HPV possano essere associati a un diverso rischio di sviluppo di lesioni cutanee.
La presenza dell’RNA virale – segno di un’infezione attiva – era pari a 0 nei campioni di cute sane, mentre il 23% dei campioni con AK presentava trascrizione virale, suggerendo quindi che il virus HPV sia direttamente coinvolto nei primi stadi di sviluppo della carcinogenesi cutanea.
Questi risultati suggeriscono che, come già osservato nei pazienti immunocompromessi, anche nei soggetti immunocompetenti il virus dell’HPV possa influenzare la proliferazione dei cheratinociti e i pathway di differenziazione, favorendo lo sviluppo della AK.


Fonte: Dianzani C, Paolini F, Conforti C, et al. Human papilloma virus expression in immunocompetent patients with actinic keratosis: A case series. J Am Acad Dermatol. 2017 Oct;77(4):770-772. doi: 10.1016/j.jaad.2017.05.035

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *