Scoperto un marker per la diagnosi precoce del tumore della lingua

Uno studio condotto presso la Cleveland Clinic e l’Ospedale Universitario del Cleveland Medical Center rivela che nel tessuto tumorale dei pazienti affetti da tumore della lingua la diversità e l’abbondanza delle specie fungine e batteriche sono significativamente ridotte rispetto a quelle dei tessuti sani.
Il risultato deriva dall’analisi del DNA di 39 coppie di tessuto linguale tumorale vs sano prelevato da pazienti con tumore della lingua. I batteri maggiormente presenti a livello linguale sono risultati i Firmicutes, con un’abbondanza maggiore nel tessuto tumorale rispetto alla cute sana (48% vs 40%). Analogamente i batteri del genere Streptococcus erano significativamente più presenti nel tessuto tumorale rispetto al controllo (34% vs 22%). Inoltre, la distribuzione di 22 specie batteriche e 7 tipologie di funghi è risultata estremamente diversa nei due tipi di tessuto.
La nuova scoperta potrebbe essere utile per una diagnosi precoce del tumore della lingua: se un paziente presenta lo stesso pattern di bacterioma/microbioma identificato in questo studio, anche in assenza di lesioni, è possibile indirizzarlo a un trattamento precoce che potrebbe migliorare il risultato della terapia.


Fonte: Case Western Reserve. Researchers Find Possible Markers for Earlier Diagnosis of Aggressive Form of Tongue Cancer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *