Alzheimer: i rimedi naturali possono essere utili

Un gruppo di ricercatori del dipartimento di medicina tradizionale dell’università di Teheran, in Iran, guidati da Haleh Tajadini, ha testato l’efficacia di un supplemento erboristico su 44 pazienti con lieve o moderata malattia di Alzheimer. Ventiquattro pazienti hanno ricevuto un rimedio a base di erbe commercializzato in Iran con il nome di Davaie Loban (DL) a base di quadrella, o zigolo infestante (Cyperus rotundus), zenzero (Zingiber officinale), calamo aromatico, o canna odorosa (Acorus calamus), pepe nero (Piper nigrum), e Boswellia carterii; altri 20, invece, hanno ricevuto un placebo. I test hanno dimostrato significativi miglioramenti nella funzione di memoria a quattro e dodici settimane nel gruppo che assumeva l’integratore, a fronte di nessun cambiamento significativo nel gruppo placebo. La ricerca, però, non analizza quali siano i principi attivi più utili per conseguire questo risultato: si limita a sottolineare che, alla luce dei risultati del test, alcuni rimedi naturali – dal costo piuttosto contenuto – sembrano avere effettivamente una buona efficacia.

Fonte: Complementary Therapies in Medicine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.