Calcipotriolo e betametasone per ridurre il dolore cutaneo nella psoriasi

Un gruppo di medici Italiani ha studiato l’efficacia del calcipotriolo/betametasone nel ridurre il dolore cutaneo tra i pazienti psoriasici, un sintomo segnalato da circa il 40% dei soggetti ma spesso poco considerato.
Gli autori hanno condotto uno studio prospettico su 75 pazienti con psoriasi a placche seguiti presso 3 unità dermatologiche della regione Campania e trattati con Cal/BD schiuma spray per 4 settimane. Al termine del trattamento i pazienti hanno ottenuto un miglioramento significativo sia nel punteggio PASI, ridotto da una media di 6,5±2,1 a 2,3±1,6, sia nel punteggio PGA per le placche sulle regioni palmari, sceso da 3,6 a 1,7.
La percezione soggettiva del dolore, valutata tramite la scala Pain Qualities Assessment Scale, è migliorata in modo significativo dopo il trattamento, scendendo da 7,6 a 1,3 (p<0,001); in particolare i pazienti hanno beneficiato di un’importante riduzione di intensità del dolore (-6,3 punti), sensibilità (-6,3), indolenzimento (-6,1) e fastidio (-5,8). Anche la soglia del dolore a livello delle placche psoriasiche palmari, misurata tramite algometro digitale a pressione, è aumentata rispetto al basale, pur rimanendo al di sotto dei valori registrati per le aree peri e non lesionali.



Fonte: Gallo L, Megna M, Cirillo T, et al. Psoriasis and skin pain: real-life effectiveness of calcipotriol plus betamethasone dipropionate in aerosol foam formulation. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2019 Feb 15. doi: 10.1111/jdv.15488. [Epub ahead of print]