Dimmi qual è il tuo gruppo sanguigno e ti darò la tua dieta

Le diete seguono le mode e una delle ultime ad affermarsi è stata quella del regime alimentare basato sul gruppo sanguigno. In sintesi, l’autore Peter D’Adamo, neuropata statunitense, correla i gruppi sanguigni ad un tipo di dieta in base all’apparire di ogni singolo gruppo sanguigno nella storia dell’evoluzione umana. Ad esempio, il gruppo sanguigno A risale al periodo paleolitico ed appartiene ad un uomo che seguiva una dieta vegetariana. Ma, scienza alla mano, questa teoria sembra non avere alcun fondamento. A dispetto della sua diffusione straordinaria la dieta ha suscitato alcune perplessità in ambito scientifico. La rivista scientifica Plos One ha pubblicato i risultati di uno studio: 1500 volontari hanno fornito informazioni precise sugli alimenti abitualmente consumati, fornendo i dati per le indagini mirate a valutare i rischi cardiovascolari. Da questa analisi è emersa la presenza di marcatori di pericolo per la salute, che non è possibile in alcun modo correlare ai diversi tipi sanguigni. Gli autori dello studio pubblicato, un gruppo di ricercatori dell’Università di Toronto, ha poi rilevato che facendo seguire la stessa dieta a persone con gruppo sanguigno diverso non cambiavano i risultati.


Fonte: fondazioneveronesi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *