Disbiosi del microbiota cutaneo nella psoriasi

Uno studio condotto presso il Bulovka Hospital (Repubblica Ceca) ha valutato la composizione del microbiota cutaneo in pazienti psoriasici e la correlazione tra diverse specie fungine e batteriche.
I ricercatori hanno utilizzato diverse tecniche (tampone, raschiamento e biopsia punch) per raccogliere campioni cutanei di pelle lesionale e cute sana dalla schiena e dal gomito di 34 pazienti psoriasici e 25 controlli. L’analisi tramite tampone cutaneo ha evidenziato una maggiore abbondanza delle specie Brevibacterium e Kocuria palustris sulla schiena e una maggiore presenza di Gordonia sui gomiti dei pazienti rispetto ai controlli. Gli stessi campioni hanno evidenziato una maggiore abbondanza del fungo Malassezia restricta sulla schiena, mentre sui gomiti era maggiormente presente il fungo Malassezia sympodialis. Tra i pazienti psoriasici è emersa inoltre una correlazione tra batteri Kocuria, Lactobacillus e Streptococcus e batteri Saccharomyces, correlazione non osservata tra i soggetti sani.
Ulteriori studi dovranno chiarire se le alterazioni osservate nella composizione microbica e le specifiche interazioni inter-regno rilevate in questo studio abbiano un significato eziologico primario o siano secondarie alla malattia.



Fonte: Stehlikova Z, Kostovcik M, Kostovcikova K, et al. Dysbiosis of Skin Microbiota in Psoriatic Patients: Co-occurrence of Fungal and Bacterial Communities. Front Microbiol. 2019 Mar 21;10:438. doi: 10.3389/fmicb.2019.00438. eCollection 2019.