Eczema: evitare i bagni con la candeggina, non sono più efficaci della sola acqua

Alcuni dermatologi consigliano ai pazienti con eczema di sottoporsi a bagni in acqua e candeggina per ridurre l’infezione batterica e far diminuire i sintomi dell’eczema. I risultati di una revisione sistematica condotta dal Northwestern Medicine non supportano però questo suggerimento.
Analizzando i dati degli studi in cui venivano confrontati i bagni di sola acqua con quelli con candeggina (solo 4 studi) è emerso infatti che l’aggiunta della candeggina non riduce i segni visibili né l’estensione dell’eczema o dell’infezione batterica. Al contempo però la candeggina può causare bruciore ad occhi e pelle, macchiare salviette e vestiti, e provocare in alcuni casi attacchi di asma, una condizione più diffusa nei pazienti con eczema rispetto ai soggetti sani.
Gli autori della revisione hanno inoltre evidenziato alcune limitazioni degli studi in questo ambito; negli studi futuri si consiglia di valutare anche l’utilizzo o meno del sapone, la tipologia di sapone usato dai pazienti, e la frequenza di applicazione di una crema idratante subito dopo il bagno.


Fonte: Chopra R, Vakharia PP, Sacotte R, Silverberg JI. Efficacy of bleach baths in reducing severity of atopic dermatitis: A systematic review and meta-analysis. Ann Allergy Asthma Immunol. 2017 Nov;119(5):435-440. doi: 10.1016/j.anai.2017.08.289

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *