Effetti a lungo termine dei farmaci biologici contro la psoriasi

Uno studio pubblicato su Journal of Dermatological Treatment ha analizzato gli effetti a lungo termine di diversi farmaci biologici contro la psoriasi sui parametri ematici valutati routinariamente nella pratica clinica.
Lo studio retrospettivo ha incluso 200 pazienti affetti da psoriasi a placche, pustolosa o ungueale e trattati in modo continuativo per un periodo di 3 anni con infliximab (70), ustekinumab (52), adalimumab (44) o etanercept (34). L’analisi degli esami ematici di routine ha evidenziato un aumento significativo della conta e della percentuale di eosinofili nel sangue a partire dai 3 mesi di trattamento. Tali valori rimanevano significativamente superiori al basale durante i follow-up successivi, con conte pari a 115,80 ×103/µL, 174,9 e 162,9, e percentuali pari a 1,49, 2,29, e 2,17, rispettivamente dopo 1, 3 e 36 mesi dall’inizio del trattamento. Le analisi non hanno mostrato alcuna alterazione significativa nel tempo degli altri parametri ematici, ovvero percentuale e conta dei basofili, conta dei globuli bianchi, velocità di eritrosedimentazione e livelli di proteina C reattiva.



Fonte: Akdogan N, Dogan S, Atakan N. Long-term effects of biologic therapies on peripheral blood eosinophils in patients with psoriasis: A 3-year single-centre study. J Dermatolog Treat. 2019 Apr 8:1-20. doi: 10.1080/09546634.2019.1605139. [Epub ahead of print]