Ingenolo mebutato efficace e ben tollerato nella cheratosi attinica del viso

Una case series pubblicata su International Journal of Dermatology ha riportato i risultati del trattamento con Ingenolo Mebutato in 20 pazienti australiani con AK diffuse sul viso.
I pazienti, di età compresa tra i 39 e gli 88 anni, sono stati trattati con Ing/Meb 0,015% per 3 giorni consecutivi e sono stati seguiti per un periodo di 3 mesi. Alla fine del periodo di osservazione tutti i pazienti hanno mostrato una riduzione del numero di cheratosi; solo due pazienti hanno riportato lesioni persistenti, che all’analisi bioptica sono state identificate come SCC in situ. Quattro pazienti hanno ricevuto un trattamento ridotto (2 o 1 giorno) per risposta cutanea locale, incluso eritema, desquamazione, edema, pustole e bolle. I pazienti hanno inoltre beneficiato di un aumento della qualità della vita (DLQI) e hanno riportato un miglioramento della loro condizione nell’80% dei casi. Inoltre, il 90% dei partecipanti si è dichiarato soddisfatto e ha ammesso di prendere in considerazione l’eventuale ripetizione del trattamento e di volerlo consigliare ad altri. Tra le caratteristiche del trattamento preferite dai pazienti sono emerse la risposta clinica, la velocità e le modalità del trattamento.


Fonte: Anthony E, Lun K, Smith SD. Full face ingenol mebutate for actinic keratosis: patient perspective. Int J Dermatol. 2019 Jan;58(1):e6-e9. doi: 10.1111/ijd.14263. Epub 2018 Oct 9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30302750

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.