chmp

Prevedibilità degli effetti avversi nell’uso di analgesici

Negli ultimi anni è emersa sempre di più l’importanza della terapia del dolore, ormai riconosciuta come un diritto del paziente, ed è di conseguenza aumentato l’utilizzo di farmaci analgesici, in particolare degli oppiacei. L’utilizzo di questi ultimi pone però una serie di problemi, soprattutto per i casi di uso improprio e abuso a cui sono associati. L’obbiettivo di questo studio era determinare quali siano le reazioni avverse (ADR) più comunemente associate all’uso di farmaci analgesici, evidenziando eventuali patterns, fattori contribuenti e modi per prevenirle.

È stato condotto uno studio retrospettivo valutando tutti i casi di ADR correlate all’uso di analgesici segnalati al centro di farmacovigilanza di Bordeaux nel periodo tra gennaio 2011 e giugno 2012. Tra i 141 casi individuati dall’analisi è emerso che si trattava di errori terapeutici nell’11,3% dei casi e di dipendenza nel 10,6% dei casi. In tutto sono state registrate 214 ADR associate a 173 diversi farmaci sospetti. Nella maggior parte dei casi si trattava di reazioni avverse relative al sistema nervoso (26,6%), problemi psichiatrici (15%) e malattie della pelle e del tessuto sottocutaneo (12,1%). I farmaci più frequentemente coinvolti erano tramadolo, da solo o in combinazione (17,3%), morfina (15%), fentanyl (9,8%) e paracetamolo (8,7%). Per quanto riguarda la serietà delle ADR, in più del 50% dei casi queste hanno portato ad ospedalizzazione o prolungamento dell’ospedalizzazione dei pazienti (54,6%). Più della metà delle ADR registrate sono state giudicate come evitabili (51,5%); in particolare sono stati registrati 8 casi di errori di somministrazione, 4 errori di prescrizione, 2 errori di compliance e 1 nella dispensazione del farmaco. Da notare che gli oppiacei erano responsabili di metà dei casi degli errori terapeutici, erano più frequentemente associati a casi di ADR evitabili e a un maggior numero di casi di ospedalizzazione. I principali fattori che hanno contribuito ai casi di ADR evitabili erano negligenza nelle raccomandazioni per l’uso degli analgesici e mancata considerazione dei fattori di rischio dei pazienti.

In conclusione, sembra che un numero significativo di ADR correlate all’uso di analgesici potrebbe essere prevenuto. Gli autori sottolineano l’importanza di conoscere i principali fattori che contribuiscono allo sviluppo di queste ADR in modo tale da promuovere un utilizzo efficiente dei trattamenti analgesici, minimizzando i rischi per i pazienti.

Vai all’articolo originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *