Risonanza magnetica T2 per una rapida identificazione dei funghi patogeni

Un nuovo sistema basato sulla risonanza magnetica T2 è in grado di identificare patogeni di interesse in meno di 5 ore a partire da un campione di sangue. Questo test potrebbe essere sfruttato per velocizzare l’individuazione delle infezioni da Candida auris, che con le analisi colturali standard richiede almeno 14 giorni.
Il Dipartimento Sanitario e di Scienze Umane di Atalanta ha valutato l’efficacia di questo test nello screening cutaneo da C. auris, partendo da sangue contaminato con campioni rappresentativi della flora batterica cutanea.
Il test T2 è stato in grado di riconoscere batteri provenienti da ognuna delle 4 clade riconosciute di C. auris, e di individuare in modo organico i patogeni presenti a una densità di 5 CFU/ml. Confrontando il test T2 con il classico esame colturale i due test sono risultati quasi completamente in accordo, e il test T2 ha mostrato una sensibilità del 89% e una specificità del 98%. Il nuovo test si è dimostrato dunque tanto efficace quanto l’esame colturale, ma con il vantaggio di un’identificazione molto più rapida di possibili infezioni cutanee da C. auris.


Fonte: Sexton DJ, Bentz ML, Welsh RM, et al. Evaluation of a new T2 Magnetic Resonance assay for rapid detection of emergent fungal pathogen Candida auris on clinical skin swab samples. Mycoses. 2018 Jun 25. doi: 10.1111/myc.12817. [Epub ahead of print]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *