Sei intelligente come una pianta!

Una scienza recente, la neurobiologia vegetale, ci rivela grandi cose del mondo vegetale demolendo la “plant blindness”, il fenomeno, molto comune, per cui l’uomo è cieco nei confronti dei vegetali. Spesso infatti non si presta sufficiente attenzione al verde che ci circonda e non solo dal punto di vista estetico. Molti ignorano le caratteristche biologiche delle piante. La nuova scienza, fondata da Stefano Mancuso, del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale dell’Università di Firenze, inizia a porre l’attenzione sulle piante per secoli “ignorate”, fin da quando, nel corso della nostra evoluzione, abbiamo capito che non costituivano un pericolo. Seguendo questo percorso filosofico si è sempre pensato che le piante fossero insensibili, ma ora, spiega Mancuso, si è capito che le piante hanno spesso una sensibilità addirittura maggiore a quella degli uomini e degli animali. Questo sviluppo è dovuto forse alla compensazione del fatto di non potersi muovere. L’istinto di sopravvivenza ha quindi permesso alle piante di diventare più sensibili alle variazioni dell’ambiente che le circonda: dalla composizione chimica di suolo e aria, ai suoni, alle vibrazioni.


Fonte: Focus.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *