Strategie farmacoterapeutiche per minimizzare la resistenza al trattamento nella psoriasi

Un gruppo di medici della Wake Forest School of Medicine (USA) ha studiato lo sviluppo della resistenza nella psoriasi, identificando i migliori approcci clinici per contrastare questo fenomeno. Molti pazienti psoriasici in trattamento topico o sistemico hanno infatti una risposta clinica inadeguata e sviluppano resistenza alla terapia.
Secondo gli esperti la psoriasi refrattaria è caratterizzata da fattori modificabili e non modificabili, che giustificano approcci diversi per massimizzare la risposta clinica. La resistenza alla terapia topica è frequentemente legata alla scarsa aderenza. Per migliorare l’aderenza è importante incorporare nel trattamento le preferenze dei pazienti, migliorare la relazione medico-paziente e semplificare i regimi di trattamento.
La resistenza alle terapie sistemiche può essere legata alla non aderenza, ma può anche essere causata da un dosaggio inefficace, dallo sviluppo di anticorpi anti-farmaco o da una forma di malattia più grave che richiede l’utilizzo di più farmaci. Dopo aver affrontato l’eventuale scarsa aderenza alla terapia, le strategie per massimizzare l’efficacia del trattamento sistemico includono l’aumento del dosaggio, la combinazione di trattamenti, il passaggio a un altro farmaco e l’incorporazione della farmacogenetica nella strategia terapeutica.


Fonte: Heath MS, Kolli SS, Dowling JR, et al. Pharmacotherapeutic strategies for standard treatment-resistant psoriasis. Expert Opin Pharmacother. 2018 Dec 27:1-12. doi: 10.1080/14656566.2018.1559819. [Epub ahead of print]