Chi ha inventato la dieta mediterranea?

Naama Goren-Inbar, dell’Istituto di Archeologia all’università ebraica di Gerusalemme, ha condotto gli scavi che hanno mostrato quali fossero gli alimenti degli ominidi di più di 780.000 anni fa.
Sono stati rinvenuti più di 10.000 campioni di cibo in buono stato, grazie all’allagamento della zona che ha contribuito alla loro conservazione.
La dieta Paleo era costituita da finocchi, vegetali tipo zucchine, sementi arrostiti, germogli, frutti tipo le nostre fragole e pere, noci e olive. Poi pesci, rettili, anfibi, uccelli, elefanti e spezie, come la menta e i semi di finocchio.
Nel suo rapporto, pubblicato su “Proceedings” della National Academy of Sciences Usa, Goren sostiene che questi ominidi, pur avendo uno stile di vita africano, vivevano in un clima temperato di tipo mediterraneo; la loro dieta quindi può essere cosiderata il precursore dell’odierna dieta mediterranea.


Fonte: Ansa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.