Prendo solo del caffè

È quello che potrebbe aver detto Pieter van der Broeck…

… esattamente nel 1616 quando sottrasse alcune piantine di caffè dallo Yemen e le introdusse in Europa. Van del Broeck era un mercante di tessuti olandese e pare sia stato il primo a far conoscere il caffè in Europa. Lo assaggiò lui stesso a Mocha, da cui il nome dello strumento in seguito inventato per prepararlo. Le piantine erano ben sorvegliate poiché in Yemen erano utilizzate per il cerimoniale sufi. Le piantine trafugate vennero trapiantate con successo in un orto botanico olandese, in una serra che riuscisse a mantenere il clima ottimale alla loro crescita. All’inizio il caffè veniva utilizzato come medicinale per curare i più svariati disturbi, ma con il tempo il suo consumo si affermò sempre più come bevanda di piacere, cambiando lo stile di vita europeo. Addirittura c’è chi sostiene che il caffè possa essere stato il motore della rivoluzione industriale, avendo preparato una società più “sveglia”, dinamica ed efficiente. Più tardi un comandante della marina portoghese trafugò altre piantine di caffè e le fece arrivare ai Caraibi. Il Brasile, intuendo il potenziale economico della nuova pianta, inviò una spedizione per rubare una pianta di caffè alla Francia.


Fonte: Linkiesta.it