Può la spiritualità combattere il dolore?

E non parliamo della sofferenza morale, ma proprio del dolore fisico.

Molte persone si confrontano quotidianamente con il dolore cronico e la scienza sta facendo grandi passi per affrontare il problema e dare un sollievo a chi ogni giorno deve affrontare questa sofferenza. Ora sembra che la spiritualità possa offrire un supporto fondamentale. Lo studio che ha esplorato questa ipotesi parte dal concetto che la spiritualità sia un aspetto universale dell’esperienza umana. In particolare la spiritualità può impattare sul dolore attraverso funzioni psicofisiche, attraverso la resilienza, le credenze connesse al dolore e alle risposte al dolore stesso.
Lo studio, che ha coinvolto 62 adulti con dolore muscolo-scheletrico cronico, ha rilevato che la spiritualità, intesa come speranza e visione positiva della vita, è moderatamente associata a una migliore funzione psicologica che porta maggiormente ad ignorare la sensazione dolore. La spiritualità come ricerca del senso della vita è invece associata positivamente alla risposta se il dolore persiste.


Fonte: painmedicine