Una nuova gestione dell’assistenza sanitaria a tutela di cittadini e operatori sanitari nelle fasi post-emergenza COVID 19

Razionale

La necessità di riaprire alla vita sociale e agli spostamenti delle persone convivendo con la presenza del virus in una coda endemica che durerà fino a quando non sarà possibile effettuare una vaccinazione, presuppone una serie di comportamenti e di misure atte a garantire la massima tutela possibile per la comunità, anche e soprattutto nelle attività degli operatori sanitari e nella gestione degli ambulatori e dei reparti ospedalieri.

La pandemia di COVID-19 ha fatto emergere la necessità di un’organizzazione dell’assistenza sanitaria basata sulla stretta integrazione fra attività ospedaliere e territoriali con un utilizzo esteso delle risorse più moderne dell’Information and Communication Technology. Le esigenze poste dalle fasi post-emergenziali dovranno spingere istituzioni e professioni sanitarie a individuare modelli di gestione della Sanità proiettati in un’ottica di efficienza e tutela degli assistiti e dei professionisti della salute.

Programma
– Inquadramento della situazione infettivologica
– Excursus sulle tappe salienti della pandemia con relative criticità
– Riorganizzazione dei reparti ospedalieri: esperienze a confronto
– Le problematiche della fase 2: integrazione tra ospedale e territorio
– La telemedicina per la gestione dei pazienti: a che punto siamo?

Relatori
Agostino Riva Divisione Clinicizzata di Malattie Infettive, ASST FBF -Sacco, Milano
Paolo Antonio Ascierto Direttore dell’Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative – Istituto Nazionale Tumori IRCCS, Fondazione Pascale, Napoli
Marco Bosio Direttore Generale dell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda, Milano


Vai al corso su Ecmclub